Dato che sentire parlare di questi argomenti in TV è cosa assai rara, si segnala che oggi (sabato 10 novembre) alle 22, con replica domenica alle 11.30, su Rai News 24 nella trasmissione “L’inchiesta” ci saranno Debora Billi, Maurizio Pallante, Ugo Bardi  e Stefano Bartolini a parlare di decrescita. Buona visione (per chi ha la TV!).

di Dario Tamburrano

Fonte: Transition Italia

The following two tabs change content below.
Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

8 thoughts on “La decrescita a RaiNews24 con ospiti d’eccezione”

  1. Potevate risparmiarvi la frasetta “per chi ha la tv”, visto che rainews lo si può vedere anche in streaming.

    Tutti gli alternativi fautori della decrescita si vantano di non avere più la tv e poi usano il pc e internet per seguire i canali tv e vedere film in streaming.

    patetici.

    1. Si, è una sorta di comma 22, i “fautori” non hanno bisogno della TV per conoscere la decrescita. Piuttosto chi segue la TV raramente ha modo di conoscerla e se ne evince bene dal commento che forse di TV lei ne vede assai e di decrescita pertanto ne sa nulla.

  2. Una cosa è avere la tv e correre il rischio di imabattersi, per esempio, in “Striscia la notizia” o in uno di quei variopinti contenitori spazzatura domenicali, altra cosa è andare a cercare intenzionalmente su internet la puntata specifica di una trasmissione che interessa.
    Anch’io sono “fautrice” della decrescita, eppure non mi conosci.

    Simona

  3. Per dimostrare di avere uno stile di vita sobrio non credo che serva rinunciare alla TV (se ho il PC e l’ADSL è come avere la TV). Vale sempre il discorso dell’uso che ne facciamo dei mezzi.
    In TV ci sono un sacco di programmi interessanti ed anche spazzatura, basta scegliere.
    Altro esempio: se siamo contro la TAV, non dobbiamo però prendere i treni FRECCIAROSSA (o ITALO). Sobrietà implica anche coerenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *