Sono architetto, da sempre recupero immobili − soprattutto abitazioni − e da almeno 10 anni mi interesso di efficienza energetica per tappare negli edifici i famosi buchi del secchio prima di riempirlo di acqua, come dice Maurizio. Da alcuni anni inoltre cerco, assieme ad altri, di liberare gli immobili e la nostra società dal petrolio facendo funzionare tutta l’abitazione ad energia elettrica, consumando una quantità di energia pari perlomeno a quella prodotta dall’impianto fotovoltaico. Avete capito bene; siamo in grado di far funzionare un’abitazione senza usare gasolio o gas, senza insomma usare petrolio, grazie al sole. “Sei sicuro che non serve portare la linea del gas?” mi fa preoccupata la mia committente Daniela; “Fidati” le dico. Da poco ho terminato l’abitazione di Daniela, che per funzionare senza gas o gasolio e consumare 10, 70 kWh/mq*a ha avuto bisogno di tanti bravi artigiani, 13 imprese artigianali e 5 studi professionali, tutti del posto per garantire nel tempo l’eventuale manutenzione.

L’edificio in oggetto è una parte di una bifamiliare ubicata in comune di Portogruaro, in provincia di Venezia, costruita agli inizi degli anni ’70 e oggi sottoposta ad un recupero in funzione dell’efficienza energetica e dell’uso delle rinnovabili. Il volume complessivo dell’abitazione è di mc 530, il volume riscaldato mc 521, con una superficie coperta di 135 mq su uno e/o due piani, in un lotto di mq 254.

Una casa classica con tipologia bifamiliare relativamente grande, su un piccolo lotto, costruita con edilizia convenzionata per dipendenti statali.

L’abitazione, isolata a cappotto con pannello di sughero di cm 14, ha un impianto con pompa di calore elettrica, pannello solare termico e fotovoltaico, una classe energetica A+ con un indice di prestazione energetica globale (EPgi) uguale a 10,70 kW/h/mq*a, un consumo stimato annuo di 7.800 kWh/a (6.400 kWh/a per il riscaldamento e 1.400 kWh/a per il funzionamento), un impianto fotovoltaico installato con potenza nominale di 8,50 kW e una produzione attesa di 8.100 kW/a.

Inizio lavori 10 ottobre 2011, fine lavori 1 aprile 2014; 2,5 anni di lavoro che ha visto impiegate 13 imprese con un totale di 48 addetti, piccole, con un numero medio di addetti pari a 3,7. Imprese del posto: l’85% delle imprese hanno sede nella provincia di Venezia, il 15% nella confinante provincia di Udine, imprese artigianali pronte a garantire nel tempo l’eventuale manutenzione. Alla progettazione hanno partecipato 5 studi professionali del luogo, 3 ingegneri, un perito e il sottoscritto architetto, con un numero medio di addetti di 1,2 e una età media di 40,2 anni nonostante i miei 61 anni; professionisti giovani e bravi.

La spesa totale è stata di 320.000 euro, comprensiva di 35.000 euro di IVA e 28.000 euro di spese tecniche, con un ritorno fiscale in 10 anni di 140.000 euro; un totale di 54 addetti impiegati e 5.925 euro per ogni addetto.

Lavoro utile fatto da piccole imprese del territorio, progettato da giovani professionisti, con un alto rapporto fra costi e addetti per liberare la società dal petrolio. Troppo semplice.

Tutto risolto? No.

La casa costa ancora tanto: il processo edilizio, nonostante i muratori prendano solo 1.200-1.300 euro al mese, costa troppo, pochi hanno le possibilità economiche per arrivare alla casa, il disoccupato non può accedere agli sgravi fiscali, la tipologia di casa proposta è ancora insostenibile e l’intorno dell’abitazione è anch’esso insostenibile.

Dobbiamo fare un ulteriore passo verso:

Coworking perché nel processo di costruzione di una casa ritorni almeno in parte il dono dello scambio di manodopera e di saperi.

Cohousing perché il modello dell’abitare diventi sempre più condiviso.

Coliving perché il territorio circostante diventi sempre più partecipato e solidale; una città per consumare meno e vivere in pace e bene.

The following two tabs change content below.
Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

4 thoughts on “Ermes Drigo – Efficientismo Energetico e Nuove Forme Ristrutturazioni Urbane (Architetto M.D.F. Nazionale)”

  1. Complimenti per l’articolo e per il lavoro svolto! la maggior parte degli edifici italiani, pubblici e privati, sono costruiti così male che sprecano fino al 70% dell’energia. Che aspetta il governo Renzi a inserire come priorità nel suo Jobs act l’unica “grande opera” davvero utile e necessaria cioè la ristrutturazione edilizia energetica dell’Italia? Sarebbe un volano formidabile per l’economia e creerebbe milioni di posti di lavoro utile perché finalizzato a ridurre gli sprechi di energia, che costa sempre di più. I costi di questi interventi si ripagano da soli nel tempo grazie al risparmio energetico conseguito perciò non ci raccontino che non ci sono i soldi. Quello che manca, purtrtoppo, è la lungimiranza e la volontà politica!

  2. Ma il costo di € 320.000 si riferisce solo ai lavori di riqualificazione o al costo dell’immobile “chiavi in mano”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *