Il gruppo tematico “tecnologia e decrescita” ha mosso i primi passi nel 2016, quando alla conferenza internazionale della Degrowth a Budapest, Maurizio Pallante e Patty L’Abbate, per conto del Movimento Decrescita Felice e Michele Dassisti docente del Politecnico di Bari, hanno presentato nella sessione tecnologia e decrescita un lavoro scientifico: “Can technologies help to reduce the physical and human degradation in transition towards a degrowth society?“. L’articolo ha suscitato molto interesse nella comunità scientifica nazionale e internazionale, e gli autori hanno in seguito continuato a lavorare sulla tematica, consolidando importanti collaborazioni di tipo accademico e associativo( Politecnico di Bari, Rete Italiana LCA)  soci MDF e simpatizzanti esterni. Nel direttivo nazionale del 10/12  Novembre 2017, il gruppo Tematico è stato ufficialmente istituito.

Mission

“La tecnologia non è il fine ma il mezzo”

La mission del gruppo tematico è quella di approntare metodi utilizzando un approccio bioeconomico e sistemico, per ridare alla tecnologia la sua giusta dimensione, ossia essere realmente il mezzo  per ridurre il degrado sociale ed ecologico, e supportare  “il cambiamento”, verso una società della  decrescita.

Bioeconomia,  approccio sistemico  e decrescita

Per risolvere i problemi ambientali creati dalla scienza economica tradizionale, il sistema produttivo non può essere scollegato dall’ambiente biofisico che lo sostiene e con il quale interagisce continuamente.   “E’ necessario superare il concetto dualistico di economia e ambiente e iniziare a pensare per  sistemi. Le relazioni fra i sistemi non sono relazioni di scambio e di mercato ma sono rappresentati da flussi fisici, che sollevano problemi rilevanti di causalità circolare e cumulativa (Kapp, 1961)(L’Abbate, 2009). W. K. Kapp propone quindi  un approccio  sistemico, condiviso da N. Georgescu-Roegen: “ Il processo economico è  rappresentato come un flusso unidirezionale che trasforma gli input di materia-energia (bassa entropia) in output di scarto (alta entropia), ciò che entra  rappresenta “ risorse naturali preziose” e ciò che viene espulso dopo la trasformazione “scarti senza valore” (Georgescu-Roegen, 1979).

 Le risorse prese dalla natura sono trasformate attraverso la tecnologia in merce,  sostanze inquinanti, sprechi e rifiuti che ritornano nella biosfera o nella tecnosfera (Nebbia, 1991). Considerando Maurizio Pallante nella sua distinzione fra beni e merci,  i “beni che si possono avere solo sotto forma di merci”,   e che dobbiamo acquistare dal mercato,  possono essere prodotti in modo sostenibile, ossia utilizzando in input meno materia ed energia possibile ed evitando formazione in output di inquinanti e rifiuti. In questo passaggio la decrescita felice concorda con l’approccio del miglioramento della produzione di merci e di servizi utilizzando il metodo del ciclo di vita adottato da una serie di direttive europee e dall’economia circolare (L’Abbate, 2016). Lo stesso sistema può essere applicato  per la diminuzione degli “sprechi, ossia le merci che non sono beni”, solo che in questo caso, è necessario unire un massiccio lavoro di divulgazione e formazione per cambiare le abitudini sbagliate del nostro stile di vita.  Pallante cita ancora: “le merci che possono essere beni si ottengono con  l’ autoproduzione e con gli  scambi non mercantili,  fondati sul dono e sulla reciprocità. Per chi sa autoprodurre una parte di beni di cui ha bisogno, e può contare su una rete di solidarietà, il denaro diventa solo  il mezzo per poter acquistare quei beni che si possono avere solo sotto forma di merci”.

  Scopi   e obbiettivi

  • Collaborare e interagire con i circoli MDF, ascoltare i bisogni, le idee, rispondere alle loro domande sul tema tecnologia.
  • Essere presenti con articoli brevi e divulgativi sul sito MDF Nazionale, sulle pagine nazionali MDF e sui mass – media, per diffondere la visione sul tema in oggetto e per migliorarla con il confronto  pubblico.
  • Collaborare con università o associazioni nazionali e internazionali alla stesura di proposte o strategie inerenti al tema, partecipare a conferenze internazionali e nazionali (ad esempio della Degrowth), scrivere articoli scientifici.
  • Riprendere il dialogo con gli imprenditori che hanno la volontà di divenire produttori consapevoli.
  • Organizzare un Convegno nell’anno 2018 su “Decrescita e Tecnologia” in collaborazione con  Rete Italiana LCA ed altri enti.

Composizione del Gruppo tematico

  • Referente Patty L’Abbate, per info sul gruppo: p.labbate@tiscali.it
  • Maurizi Pallante, Alessandro Lauro, Francesco Girardi, Dassisti Michele, Pierpaolo Pontrandolfo.

Abstract e presentazione: L’Abbate P., Pallante M.,  Dassisti M., 2016, Can technologies help to reduce the physical and human degradation, in transition towards a degrowth society?, 5th International Degrowth Conference, Budapest, Hungary.

 

The following two tabs change content below.

Redazione

Ultimi post di Redazione (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *