Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La decrescita può essere insegnata ai bambini? può accedere nei programmi scolastici? A detta di Maurizio Pallante – fondatore del movimento per la decrescita felice – sembra proprio di si. Ed è questo lo scopo del suo libro illustrato “Pilli, Silvia e la decrescita felice” edito dalla Edizioni per la decrescita felice, pp. 144, €18.

Il libro si presta davvero come un valido strumento per le diverse fasce d’età e soprattutto per le scuole dell’infanzia, primarie e medie. Attraverso una valida fiaba, Pilli – l’ape simbolo della decrescita felice – incontra Silvia e la sua famiglia che sono un po’ il simbolo del nostro modo di vivere occidentale, dominato dagli sprechi, dalle disattenzioni e dell’eccessivo consumismo. Lungo tutta la storia, attraverso incontri e avventure Pilli farà conoscere a Silvia e quindi a tutta la sua famiglia i valori della decrescita felice, dimostrando che quella della decrescita è una strada percorribile, alla portata di tutti e soprattutto conveniente sotto ogni punto di vista: economico, umano e sociale.

Il libro coinvolge i ragazzi che possono leggerlo o ascoltarlo in classe nelle piu’ svariate modalità didattiche. Gli insegnanti che per poterlo trasmettere devono conoscere il movimento per la decrescita felice, i genitori, gli zii e i nonni che possono regalarlo e leggerlo insieme ai loro figli o nipoti e che inevitabilmente vengono chiamati in causa dalla lettura del libro. Ma non va sottovalutato neanche l’opportunità per chiunque, circolo compresi, di poter usare il testo per animare incontri con i più giovani, con letture o drammatizzazioni di singoli brani e schede allegate.

Uno strumento davvero valido per ogni fascia d’età sia per il linguaggio accessibile a tutti, ma soprattutto perché al termine del racconto iniziano una serie di schede didattiche che illustrano in modo chiaro e dettagliato i punto cruciali della decrescita felice, come ad esempio la distinzione tra ricchezza e povertà, beni e merci,  sviluppo e sottosviluppo o i tre cerchi concentrici dell’economia e dei rapporti sociali. Un vademecum dunque da tenere sempre con sé e consultabile con facilità e immediatezza.

A corollario di tutto questo poi ci sono le bellissime illustrazioni dell’artista Gabriella Arduino che danno un tocco di serenità e allegria utile non solo ai ragazzi ma anche (e forse soprattutto) agli adulti e agli anziani per ritrovare o non perdere il contatto con il fanciullino di Pascoliana memoria che è sempre in ognuno di noi.

Uno strumento validissimo per far entrare la decrescita nei programmi scolastici, nelle famiglie e tra i figli fin da piccoli, dove non a caso la decrescita attecchisce maggiormente.

Alessandro Lauro (Mdf Sorrento)

 

Pilli, Silvia e la decrescita felice

edizioni per la decrescita felice

pp. 144    €18

 

The following two tabs change content below.
Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a: info@decrescitafelice.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *