Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Pubblichiamo di seguito, l’ “Amaca” del 25 Marzo scorso, di Michele Serra, apparso sul quotidiano nazionale “la Repubblica”.

Riteniamo che in questo caso l’autore abbia centrato – con il suo stile – in pieno un argomento importante ed in sintonia con il Movimento per la decrescita felice.

Di seguito l’articolo:

 

«Incentivare i consumi senza ritornare nella logica perversa del consumismo», suggerisce monsignor Bagnasco, che non presiede la Confcommercio ma il Consiglio episcopale. Il timore, però, è che la «logica perversa dei consumi» sia tutt’uno con l’ossessione di «incentivarli», secondo il mito della Crescita Obbligatoria che ha il piccolo difetto di essere irrealizzabile (e di conseguenza: irrealizzato). Si attende da tempo — diciamo: almeno dall’esplodere della crisi nel 2008 — la prima voce autorevole che abbia il coraggio di dirci che no, i consumi non torneranno MAI a crescere tanto quanto servirebbe a risanare i nostri conti, quelli privati e quelli pubblici. E aggiunga che il bivio che ci sta di fronte è tra un decrescita infelice (e ferocemente iniqua con i più deboli: questa, dunque) e una decrescita felice, realisticamente disposta a usare meglio meno risorse, a vivere con meno ma in maniera meno forsennata e ansiosa, a distribuire un po’ più equamente i vantaggi e gli svantaggi. L’idea di «incentivare i consumi» suona davvero vecchiotta, specie adesso che il papa si chiama Francesco.

Fonte: LaRepubblica

The following two tabs change content below.
Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a: info@decrescitafelice.it

One thought on “Un Serra decrescente”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *