Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Più della metà dell’impatto ambientale del pane è dovuto alla coltivazione del grano. Un team dell’università di Sheffield ha studiato l’intero ciclo di produzione nel Regno Unito di una pagnotta integrale da ottocento grammi.

Liam Goucher e colleghi hanno considerato la coltivazione del grano, a partire dalla preparazione del terreno fino al raccolto. Poi sono state considerate le fasi di essiccazione, conservazione, macinazione del grano. Infine, si è tenuto conto del trasporto della farina all’impianto di panificazione, la lavorazione della pasta, la cottura e il confezionamento. Per ogni passo sono stati raccolti i dati, grazie alla collaborazione di agricoltori, mugnai e panificatori. Secondo i ricercatori, la fase con l’impatto ambientale maggiore è la prima, la coltivazione del grano. In particolare, oltre il 40 per cento dell’impatto è dovuto all’uso dei fertilizzanti contenti azoto. Una pagnotta porta alla produzione di 0,589 chilogrammi di anidride carbonica equivalente, di cui 0,281 per i fertilizzanti. L’anidride carbonica equivalente misura l’emissione dei gas serra che contribuiscono a cambiamenti climatici.

Secondo gli autori, è necessario risolvere “un conflitto importante nel sistema agroalimentare, il cui scopo principale è il profitto” e non fornire cibo in modo sicuro e sostenibile a livello globale. Gli agricoltori cercano di aumentare la produttività con i fertilizzanti, spesso sussidiati, in modo da guadagnare di più e tenere bassi i prezzi per i consumatori. Ma i costi ambientali di queste pratiche non sono contabilizzati e non c’è quindi un incentivo ad applicare altre tecniche produttive, meno problematiche per l’ambiente. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Plants.

Fonte: Internazionale.it

The following two tabs change content below.
Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a: info@decrescitafelice.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *