Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Di Linda Maggiori, scrittrice, ambientalista, blogger, giornalista e mamma per un mondo migliore

Da anni con la nostra testimonianza, vogliamo lanciare un messaggio: si può vivere meglio, inquinando di meno, con meno consumi. Ma se non vi abbiamo convinto col nostro sorriso, se avete bisogno di ulteriori prove, grafici e dati, se ancora state pensando che, se tutti vivessero come noi, il mondo collasserebbe di botto con una disoccupazione ed una miseria travolgente… Beh, allora… Sorbitevi questo pippone 🙂 

Nel luglio 2019 l’European Environmental Bureau (EEB) ha dimostrato che a livello globale non ci sono segnali di un possibile disaccoppiamento tra crescita economica ed impatto ambientale.

Il legame tra PIL ed occupazione è invece assai indebolito, se non scomparso. Gli economisti parlano di crescita fredda: il PIL aumenta senza che ci sia creazione di nuova occupazione poiché la produttività continua a crescere grazie ai “robot” – e con essa i profitti – ma non i salari e gli occupati, provocando la scomparsa classe media ed il fenomeno di chi, pur lavorando, resta povero.

In Europa è nata la Wellbeing Economies Alliance, tra movimenti e soggetti critici al sistema economico tradizionale. Alcuni dei cambiamenti proposti includono limiti all’uso delle risorse, tassazione progressiva per arginare l’ondata di crescente disuguaglianza e una graduale riduzione dell’orario di lavoro, una tassa sul carbonio, un reddito sia minimo che massimo per ridurre la disuguaglianza, contribuendo nel contempo a ridistribuire il lavoro di cura e ridurre gli squilibri di potere che minano la democrazia.

Questo studio del Movimento per la Decrescita Felice (MDF) e del Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Pisa, METE “Modello di Macroeconomia Ecologica per la Transizione Energetica” ha studiato degli scenari alternativi. propone 3 scenari con effetti notevolmente differenti, in particolare nel 2050:

1) lo scenario PNIEC (tecnologia, risorse rinnovabili, aumento produttività e consumi, aumento PIL): la riduzione della CO2 si ferma a -64%, non raggiungendo l’obiettivo europeo. La disoccupazione di attesta al 11%. IL PIL aumenta. La retribuzione oraria aumenta del 32% e il salario medio aumenta del 32% (ma non c’è alcuna riduzione dell’orario di lavoro) e le disuguaglianze aumentano.
2) il primo scenario MDF arriva a -79% di riduzione della CO2, la disoccupazione si attesta al 7%; il PIL rimane stabile; la retribuzione oraria aumenta del 36% (che per la riduzione dell’orario di lavoro porta ad un aumento dei salari del 2%), diminuiscono le disuguaglianza, diminuiscono i consumi.
3) il secondo scenario di decrescita, arriva a -85% di riduzione della CO2, con un aumento della retribuzione oraria del 13% e una conseguente riduzione del 15% dei salari (causa riduzione dell’orario di lavoro). Il PIL è stabile, le disuguaglianze diminuiscono, i consumi diminuiscono.

Lo scenario proposto da MDF Movimento Decrescita Felice, propone, oltre al passaggio totale alle energie rinnovabili:
– riduzione dell’orario di lavoro in modo progressivo, per arrivare nel 2050 a 30 ore settimanali
– 50.000 assunzioni ogni anno da parte dello stato
– incremento progressivo dell’economia locale dal 18% attuale al 28% nel 2050
– diminuzione progressiva della propensione al consumo dall’80% attuale al 65% nel 2050
– incremento della tassazione del patrimonio dallo 0.1% attuale allo 0.2% nel 2050

Se non riduciamo la CO2, come più volte ricordato, lo sconvolgimento climatico causerà una tale recessione che il PIL comunque scenderà, ma non sarà governabile e sarà quindi un totale caos sociale.
Chi fa politica deve riconoscere il fatto che affrontare il collasso ambientale potrebbe richiedere una riduzione diretta di produzione e consumo nei paesi più ricchi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *