I mattoni che ci mancano

Published on :

Basta aprire un quotidiano, accendere una radio o un televisore e ne siamo subito inondati. Oramai sono anni, decenni che va avanti così. Di notizie brutte ne abbiamo in quantità enormi. Furti, omicidi, femminicidi, guerre, terrorismo, prese di posizione di governi e personaggi pubblici che deludono le aspettative che avevamo […]

L’impatto ambientale di una pagnotta di pane

Published on :

Claudia Grisanti, giornalista Più della metà dell’impatto ambientale del pane è dovuto alla coltivazione del grano. Un team dell’università di Sheffield ha studiato l’intero ciclo di produzione nel Regno Unito di una pagnotta integrale da ottocento grammi. Liam Goucher e colleghi hanno considerato la coltivazione del grano, a partire dalla […]

L’Europa non è trasparente sulle armi che vende nel mondo

Published on :

La Rete italiana per il disarmo (RID) e l’European Network Against Arms Trade (ENAAT) esprimono una forte critica nei confronti del Consiglio dell’Unione Europea: «Non prende sul serio il controllo democratico sulle esportazioni di armi e di sistemi militari». La denuncia arriva a seguito della pubblicazione della “XVII Relazione sulle […]

Qualcosa da capire

Published on :

I terribili fatti di Parigi, meritano certamente una e più riflessioni. A mente calda è sempre difficile farla, col passare delle ore e dei giorni sarà forse più semplice o meglio agevole, provare a mettere ordine e cercare di capire. Se mai vi possa essere qualcosa da capire. Stranamente, ci […]

La crescita economica crea povertà

Published on :

Il PIL, o Prodotto Interno Lordo, è risultato essere il concetto dominante dei nostri tempi. Tanto da ritenerlo il metro di misura del benessere delle nazioni. La crescita senza limiti, una fantasia di economisti, uomini d’affari e politici, è invece vista come sinonimo di progresso. Questo nonostante crei povertà attraverso […]

Anima Mundi

Published on :

Quando ci accorgeremo come umanità, del disastro pianificato, attuato, prodotto e perseguito negli ultimi 250 anni e con sempre maggiore intensità, negli ultimi 50-60 anni, sarà sempre troppo tardi. L’umanità ha sempre ragionato con gli occhi bassi. Ha saputo guardare solo ad un palmo del suo naso. Non ha avuto […]