Traduzione dell’articolo “Caring for Change: Our Degrowth is Intersectional!” pubblicato su degrowth.info  a firma di Corinna Dengler e Giacomo D’Alisa

 

Il 5 giugno 2021 si svolgerà la terza Giornata mondiale della decrescita sul tema della cura. Corinna Dengler e Giacomo D’Alisa approfondiscono la centralità dell’assistenza per la decrescita.

La decrescita è una rivendicazione di attivismo e politica, supportata dalla ricerca accademica, che mira a garantire il benessere umano globale entro i confini planetari. La decrescita problematizza l’interconnessione dei sistemi di dominio come le relazioni sociali di sfruttamento con la natura, il patriarcato, la colonialità / razzismo e le relazioni di classe. Nel tentativo di avventurarsi oltre queste relazioni di potere, costruire futuri alternativi e un sistema ecologicamente sano e socialmente giusto, la decrescita è anti-patriarcale, anticapitalista e decoloniale. Un approccio intersezionale di decrescita femminista prevede una società con differenti relazioni e ruoli di genere, diversa distribuzione del lavoro pagato e non retribuito tra tutti i membri della società, differenti interazioni culturali e anche differenti percorsi co-evolutivi tra specie umana e non umana.

La decrescita è un insieme di discorsi e pratiche che mirano a guidare la trasformazione della società mettendo al centro della visione politica la cura per l’uomo e l’ambiente, nonché la vulnerabilità della vita. Gran parte del lavoro socialmente necessario viene svolto in maniera non retribuita dalle donne, ai margini del lavoro formale. Crescere figli, prendersi cura di malati e anziani e fare i lavori domestici – riassunti come lavoro di cura, lavoro riproduttivo o riproduzione sociale – sono, nel nostro attuale sistema economico, femminizzati, invisibilizzati, svalutati e spesso esternalizzati lungo il nesso di classe-razza-genere . La pandemia Covid-19 ha reso ancora più evidente ciò che le femministe hanno sostenuto a lungo, vale a dire che il lavoro di assistenza – in particolare il lavoro di assistenza diretta che implica una relazione tra un caregiver e un assistente – è il fondamento della nostra economia e società.

Il concetto di cura può essere esteso anche alla cura dell’ambiente. Ad esempio, possiamo considerare il ruolo inestimabile che i lavoratori di sussistenza svolgono nel fornire le condizioni biofisiche per la riproduzione umana, mantenendo così in vita il mondo. È necessario riconoscere l’importanza che il lavoro di cura ha per il benessere delle persone e degli ecosistemi in tutte le società. Questo lavoro non è solo domestico o fornito tramite il mercato o lo stato, ma è anche un lavoro comunitario ed ecologico. Il lavoro di cura si differenzia strutturalmente dalle altre forme di lavoro, perché include una relazione interpersonale tra soggetti ed è quindi intrinsecamente relazionale. La relazione interdipendente tra il caregiver e il curante è solitamente caratterizzata dall’emotività ed è spesso basata su relazioni di potere asimmetriche, dipendenza della persona che riceve l’assistenza e quindi anche vulnerabilità.

Adottando un approccio che comprenda l’intero corso della vita, è fondamentale riconoscere che la dipendenza dall’assistenza non è eccezionale, ma piuttosto un denominatore comune con cui tutte le nostre vite iniziano e con cui in maggioranza finiscono. Durante tutto il corso della vita, ci sono fasi in cui avremo bisogno di ricevere o essere in grado di prestare assistenza. Una vita senza dolore e libera da ogni tipo di obbligo di cura è la promessa del moderno mondo capitalista occidentale, ma questa diventa una realtà solo in casi eccezionali e rari, a costo di sfruttamento sistematico e disuguaglianza. Per gli studiosi-attivisti della decrescita, la materialità del corpo si accompagna alla vulnerabilità immanente di ciò che è vivo e mostra la condizione di interdipendenza ed eco-dipendenza dell’esistenza. In linea con ciò, la vita che i decrescenti si impegnano a sostenere non aspira a essere un’emancipazione chimerica dalla natura, dal corpo e / o dalle interdipendenze attente, come fa il progetto coloniale civilizzatore della modernità capitalista. Ciò implica mettere in discussione i confini di un’epistemologia moderna capitalista che concettualizza un agente sempre autonomo, egoista e razionale come suo attore centrale. Piuttosto, come studiosi-attivisti della decrescita, dovremmo riconoscere che la vita dipende da una miriade di relazioni e interdipendenze, e che gli homines oeconomici e gli eroi solitari non sono altro che una finzione andro e antropocentrica.

Centrare la cura e la sostenibilità della vita è fondamentale non solo per superare la crisi sociale, ecologica, economica e assistenziale che molte persone affrontano, ma per promuovere una transizione ecosociale verso una società post-carbonio. La sostenibilità della vita è promossa da attività collaborative e relazionali necessarie per sostenere la vita nel tempo, comprese le sue dimensioni materiali e simboliche, le forme di vita umana e non umana e la loro interdipendenza. Questo è il motivo per cui la cura è il principale comune per istituire una società della decrescita che vuole sostenere la vita. In questo contesto, la Giornata mondiale della decrescita di quest’anno proclama: La cura è fondamentale per il futuro della decrescita che prevediamo, e nella cura del cambiamento, la nostra decrescita è intersezionale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *