Digiuno e consumismo

Published on :

Un contributo di Maria Elena Bertoli e Bernardo Severgnini del circolo MDF di Lucca In questi giorni i fedeli musulmani stanno celebrando il mese del Ramadan. Il digiuno nel mese di Ramadan è uno dei 5 pilastri dell’Islam, un precetto che alla maggior parte di noi occidentali sembra assurdo e […]

Felici o infelici con la decrescita? Intervista al professor Simone D’Alessandro

Published on :

Rilanciamo volentieri questa intervista rilasciata alla nostra socia Linda MAGGIORI ed originariamente pubblicata su SapereAmbiente.it dal Prof. Simone D’Alessandro, responsabile del progetto di ricerca 2METE realizzato in collaborazione con MDF.   Che cosa si intende pragmaticamente con l’espressione “decrescita felice”? Diminuire la produzione e i consumi di beni non necessari […]

Borghi da riabitare

Published on :

Un contributo di Remo RONCHITELLI, socio del Circolo di Cagliari “Andiamo a vivere fuori città: … É l’effetto del lockdown causa Covid. Coppie di anziani o intere famiglie che – dopo mesi reclusi nei propri piccoli appartamenti in città – hanno deciso di stabilirsi in campagna o in montagna. Qualcuno […]

Mai più come prima!  Insieme per la società della cura

Published on :

Il movimento per la Decrescita felice è fra i primi sottoscrittori del Manifesto per la Società della Cura, primo atto concreto di un percorso che da alcuni mesi coinvolge numerosi attivisti provenienti da altrettante associazioni, movimenti e gruppi informali, tutti consapevoli della insostenibilità del modello socio-economico dominante e tutti della […]

L’economia dell’abbastanza

Published on :

A cura del Gruppo Tematico Decrescita & Economia MDF (*) La crescita economica è sempre una buona cosa? Perché le persone in paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito non sono più felici o non lavorano meno ore oggi rispetto al 1950, mentre invece il PIL è triplicato nello […]

AUTOMOBILE DECRESCENTE, UNA NUOVA SPERANZA…

Published on :

di Silvio Colapaoli I trasporti, secondo un recente rapporto ISPRA,1 sono responsabili praticamente del 25% delle emissioni totali di gas serra nel nostro Paese. Per contenere l’innalzamento della temperatura media globale entro 1,5 °C, come richiesto dall’autorevole studio IPCC2 dell’ottobre scorso (che quindi “sconfessa” gli accordi di Parigi 2015, che […]