Meno auto: tutti più veloci.

Published on :

Manifesto MENO AUTO: TUTTI PIU’ VELOCI   Noi dichiariamo finita la cultura dell’ “auto-a-tutti-i-costi”. L’intelligenza si ribella all’idea di bruciare quello che resta del petrolio, per stare fermi dentro a un fiume di auto ferme. Non ci stiamo a considerare il nostro prossimo come un “ostacolo stradale”. L’auto non definisce più uno […]

Per salvare la api, bastano un fiore o una semplice azione

Published on :

Vuoi salvare le api? Fallo piantando un fiore. È il consiglio di Greenpeace che, attraverso la campagna Salviamo le api, da tempo cerca di sensibilizzare anche il pubblico italiano alla tutela di questi importantissimi insetti. Che, insieme a bombi, farfalle, mosche, permettono il processo naturale di impollinazione. “Senza gli insetti impollinatori, […]

Cina: i “villaggi del cancro” esistono davvero. Lo ammette il governo

Published on :

Inquinamento e cancro in Cina. Alcune sostanze chimiche pericolose vietate nei Paesi sviluppati vengono ancora utilizzate o prodotte nel Paese asiatico, dove la situazione è talmente grave in alcune aree da aver creato dei “villaggi del cancro”. Lo ha finalmente ammesso il Ministero della Protezione Ambientale di Pechino, stilando in […]

Non solo Ilva, le 19 industrie che producono (e inquinano) senza l’Aia

Published on :

Inquinano tanto da essere considerati fuorilegge, ma continuano a produrre. In Italia gli impianti che non hanno ancora ricevuto l’Autorizzazione integrata ambientale (Aia), la licenza necessaria per uniformarsi ai principi dettati dalla Comunità europea, sono 19: acciaierie, raffinerie, centrali elettriche. Che, in deroga – di fatto – alle direttive comunitarie, da anni continuano […]

Poligono di Quirra, venti indagati. Il pm: “Tumori dovuti alle esercitazioni militari”

Published on :

Omissioni dolose, favoreggiamento, falso ideologico in atto pubblico e addirittura ostacolo aggravato alla difesa del disastro ambientale nel Poligono interforze di Quirra, Sardegna sud orientale. Attorno alla base più grande d’Europa, dove si testano armi e munizioni, si consuma il nuovo atto della Procura di Lanusei: ieri sono stati recapitati venti avvisi di conclusione delle indagini, partite più di un anno fa. Tra i destinatari ci sono generali, professori universitari, tecnici, fisici e addirittura il primo cittadino di Perdasdefogu, Walter Mura.