Quale sarà l’impatto di questa “rivoluzione”? E cosa comporterà a livello di costi di gestione della rete elettrica la graduale conversione del parco auto in mezzi a emissioni zero?

ANDREA BERTAGLIO

La rivoluzione elettrica è iniziata. Piaccia o meno, infatti, nel corso dell’ultimo paio di anni si è avviata una serie di dinamiche che, dopo lunghe attese da parte degli addetti del settore, stanno smuovendo le acque come mai prima a livello di mobilità green, nuove infrastrutture e percezione del pubblico della necessità di ridurre l’inquinamento atmosferico. Tanto che nel terzo trimestre del 2017 le auto elettriche e le ibride plug-in vendute sono state circa il 63% in più rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. E così temi o fenomeni fino a poco tempo fa riservati ai soli appassionati come l’auto e la moto elettrica, le Smart Grid o le Smart City sono finalmente sulle prime pagine dei giornali, protagonisti nelle fiere e ormai parte dell’immaginario collettivo. Ma quale sarà l’impatto di questa “rivoluzione”? E cosa comporterà a livello di costi di gestione della rete elettrica la graduale conversione del parco auto in mezzi a emissioni zero?

 

Se lo sono chiesto soprattutto in California, stato che da solo ospita più della metà dell’intero parco EV Usa (secondo mercato globale, dopo la Cina): il boom di veicoli elettrici avrà effetti negativi sui costi per la collettività nella gestione di rete elettrica e infrastrutture, o nell’applicazione di trasformatori e condensatori? Secondo alcuni studi e ricerche, la risposta è un secco “no”. Come riportato in un approfondimento della rivista specializzata CleanTechnica, infatti, senza accorgimenti per una maggiore efficienza energetica un’auto elettrica può far aumentare di un terzo (33%) i consumi di corrente una famiglia, ma ciò non significa che le performance della rete vengano penalizzate. Al contrario, rappresenta un’opportunità di miglioramento per l’intero sistema.

 

In realtà lo ha rivelato già nel 2014 una rigorosa analisi guidata dalla California Public Utilities Commission con cui, sempre sulla West Coast, si sono stimati gli impatti sulla rete elettrica di una larga diffusione di veicoli elettrici: i costi per l’aggiornamento della rete di distribuzione locale sarebbero “sorprendentemente bassi”, spiegano i ricercatori. Anche ipotizzando di ritrovarsi nel 2030 con una diffusione molto più elevata di auto e moto elettriche, ad esempio 7 milioni di veicoli (un quarto di tutti quelli immatricolati), i costi per le infrastrutture di distribuzione sarebbero solo l’1% del budget annuale delle utility. Non solo, secondo questo studio sempre entro il 2030 l’adozione di veicoli elettrici porterebbe a benefici per addirittura 3,1 miliardi di dollari, derivanti da numerosi fattori fra cui ad esempio l’acquisizione di crediti d’imposta federali, i risparmi di carburante e i crediti di carbonio della California nel mercato delle emissioni.

 

E in Italia, cosa ne pensano gli esperti del settore? Secondo il Tesla Club Italy, ormai punto di riferimento sui temi legati alla mobilità elettrica, non è affatto vero che se tutti avessero auto elettriche la rete non reggerebbe. “Da una parte perché i consumi di elettricità negli ultimi anni si sono talmente ridotti che prima di tornare ai livelli passati ci vorrà un po’ di tempo; dall’altra perché anche le reti e le infrastrutture si fanno sempre più efficienti, e intelligenti (avrete sicuramente sentito parlare di Smart Grid)”, scrive il Club in un articolo sui 5 falsi miti sulle auto elettriche: “E infine, perché le auto elettriche da sole non basterebbero ad aumentare così tanto i consumi da fare collassare le reti elettriche nazionali.”

 

Altra voce autorevole a livello di mobilità elettrica nel panorama italiano è sicuramente Energica Motor, dal 2019 fornitore unico del Motomondiale per la nuova Moto-e, versione elettrica della MotoGP. Fresca di presentazione del suo nuovo modello Eva EsseEsse9, di vittoria con la Ego di “migliore moto elettrica del mondo” e di vari riconoscimenti fra cui il “Premio Innovazione amica dell’ambiente” di Legambiente, la casa modenese non vede la diffusione della mobilità elettrica come un problema. “Dal punto di vista tecnico la rete è ben in grado di sopportare quello che potrebbe essere un impatto su larga scala dei veicoli elettrici, anche perché seppure la diffusione degli EV stia aumentando esponenzialmente stiamo parlando di un processo graduale”, spiega Giampiero Testoni, direttore tecnico (CTO) di Energica: “Non ci saranno da oggi a domani 2 miliardi di veicoli elettrici da caricare contemporaneamente. Inoltre, l’80% delle volte una moto o un’auto elettrica vengono ricaricate nelle ore notturne, quando i consumi sono al minimo. E oggi si sta lavorando per far sì che, grazie alle Smart Grid, i veicoli anche se collegati in gran numero durante il giorno possano funzionare come battery storage units, e quindi supportare la rete, invece di sovraccaricarla”.

 

Lo sviluppo della mobilità elettrica deve andare quindi di pari passo con quello delle reti intelligenti, capaci di minimizzare sprechi, picchi, sovraccarichi e variazioni di tensione. Ma anche delle rinnovabili, senza cui la mobilità elettrica non si può dire veramente sostenibile. Un’ampia diffusione di auto, moto e camion elettrici, insomma, oltre a rappresentare un’importante opportunità per il sistema dei trasporti e quello infrastrutturale nel loro complesso può e deve contribuire alla totale conversione in chiave green del settore elettro-energetico. Il che andrebbe anche a levare ai detrattori dell’elettrico il principale argomento: quello per cui l’inquinamento atmosferico, con i veicoli elettrici, si sposta dalle città alle centrali, ma non si elimina.

 

“Con la crescita di una ramificata rete di ricarica il motore endotermico non ha proprio più senso, né a livello di costi di produzione e distribuzione dell’energia stessa, né per quanto riguarda l’inquinamento.” spiega Livia Cevolini, amministratore delegato (CEO) di Energica Motor Spa: “Secondo lo studio belga Life Cycle Analysis of the Climate Impact of Electric Vehicles condotto dall’Università di Bruxelles Vrije, i Battery Electric Vehicle hanno un impatto significativamente minore sui cambiamenti climatici e sulla qualità dell’aria urbana, rispetto ai veicoli convenzionali.”

 

“L’opportunità più importante per migliorare l’impatto dei BEV risiede nella scelta di energie rinnovabili per ricaricarli. Tuttavia la sostenibilità, aggiunge la ricerca, è in ogni caso positiva anche in situazioni svantaggiose come la Polonia, dove sebbene i veicoli elettrici utilizzino un mix di fornitura con le più alte emissioni di gas serra, queste sono ancora inferiori del 25% rispetto ad un veicolo diesel di riferimento”, aggiunge Livia Cevolini. E per quanto riguarda le rinnovabili in Italia? “La situazione è molto favorevole rispetto ad altri Paesi: ad oggi il nostro energy mix è fra i migliori al mondo, e l’energia prodotta proviene già per oltre il 40 percento da fonti rinnovabili. Questo è dovuto a molteplici fattori, e rappresenta di sicuro una grande opportunità per l’Italia. Anche di cambio di mentalità”.

 

Tra i molteplici fattori elencati dall’ingegnere modenese c’è la presenza nel nostro Paese di Enel, ad oggi primo operatore globale di rinnovabili, da diversi anni molto concentrato sullo sviluppo della mobilità elettrica. In effetti, i suoi sforzi per contribuire allo sviluppo di infrastrutture che ne permettano un pieno sviluppo sono stati notevoli, e con un investimento fra i 100 e i 300 milioni di euro punta a passare dalle attuali 930 colonnine di ricarica sul territorio italiano ad almeno 14mila entro il 2022. E tutto ciò, chiediamo anche al colosso dell’energia, non porterà a maggiori costi per gli utenti o a problemi per la rete elettrica? “È esattamente il contrario”, spiega Francesco Venturini, Head of Global e-Solutions di Enel S.p.A: “In un mondo in cui le rinnovabili faranno da padrone, sia per motivi ambientali che di costo, in cui la digitalizzazione dematerializza l’importanza di chi possiede l’asset e permette che lo stesso asset abbia più funzioni, per rendere la rete più efficiente e quindi meno costosa le auto elettriche giocano un ruolo fondamentale”. In pratica, i veicoli elettrici possono essere visti “come batterie su quattro ruote che prendono energia ma che la ridanno al sistema quando il sistema la richiede”, aggiunge Venturini: “Gli EV democratizzano la rete, non il contrario”.

 

@AndreaBertaglio

The following two tabs change content below.
Questo articolo è stato curato dalla nostra redazione nazionale. Se siete un blogger, un circolo o fate parte di una associazione e volete contribuire con dei vostri articoli scrivere a : mdfredazione@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *